PAGANOS

Su carrasecare luvulesu

Apo bidu su carresegare morzende,
cun su sonu surdu de sas iischiglias,
l'apo intesu pianghende,
in su tzocu sicu de su fuste,
ninnaresi cun s'atitidu de omines in cambales, fardeta e mucadore nieddu,
l'apo piantu ibentradu e isterrujadu in terra,
pro la fagher saliosa,
un'atera borta.

A s'intrinada l'apo bidu torrende a bida,
a su batiledhu,
ballende a ballu tundu intundu a su fogu,
subra su carru asùlu
in piata Gazina.
In Lula.





Il carnevale di Lula

Ho visto il carnevale morire,
al suono sordo di campanacci,
l'ho sentito piangere,
tra il rumore secco di fruste,
e cullarsi con il lamento funebre degli uomini in cambales, fardetta, e muccadore nieddu.
L'ho compianto sventrato e steso per terra,
per renderla fertile, ancora una volta.
All'imbrunire l'ho rivisto risorgere,
su batiledhu,
danzare a ballu tundu intorno ad un fuoco,
sopra un carro celeste,
in piazza Gazina.
A Lula.

loading